Come fare a mantenere il peso perso

C

Come abbiamo già spiegato in altri articoli, calare di peso può essere facile, ma mantenere il peso perduto è estremamente difficile. Ciò a causa del fatto che l’organismo “legge” questo calo come una perdita di scorte dovuta a un periodo di carestia e mette in opera una serie di difese che fanno perdere sempre meno, durante la dieta e in quelle successive, e, appena può (cioè appena gli forniamo cibo a sufficienza), fa recuperare i chili, spesso con un aggiunta. Questo avviene in qualunque modo si perda peso.

E’, quindi, impossibile non ritornare più grassi di prima?

No. E’ difficile, ma non impossibile. Andiamo a vedere cosa si può fare.

“bisogna prendere consapevolezza che l’obesità è una malattia cronica e, quindi, si può controllare, ma non si guarisce mai del tutto”.

Prima di tutto, bisogna prendere consapevolezza che l’obesità è una malattia cronica e, quindi, si può controllare, ma non si guarisce mai del tutto. In pratica, chi di mette a dieta dimagrante deve sapere che dovrà lottare col peso tutta la vita.

Poi, durante la dieta dovremmo cercare di calare il più possibile e il più in fretta possibile (ovviamente, compatibilmente con le proprie caratteristiche fisiche).

Una volta raggiunto il peso la parola chiave è: “controllo”.

Ciò vuol dire che quando si inizia a mette su due o tre chilogrammi o, meglio, quando si capisce che le rinunce che riuscivamo a fare prima non si riescono più a fare (ed esempio, se non si riesce più a evitare quel determinato cibo a quella determinata ora), si sta per “ripartire” a metter su peso e bisogna intervenire subito.

“Una volta raggiunto il peso la parola chiave è: “controllo”… quando si inizia a mette su due o tre chilogrammi, o meglio, quando si capisce che le rinunce che riuscivamo a fare prima non si riescono più a fare… bisogna intervenire subito”.

Essendo l’obesità una malattia, “intervenire” vuol dire ritornare (o andare per la prima volta se si è dimagriti da soli) da medici (e loro collaboratori) qualificati con cui intraprendere tutti quei trattamenti dietetici, comportamentali e farmacologici atti ad aiutare in un momento così a rischio.

Come dico sempre ai miei pazienti:

“ quando le cose vanno bene io non servo a nulla, io servo quando le cose vanno male”.

About the author

Gianleone Di Sacco

Nato a Pisa nel 1959. Risiede a Milano dalla nascita.

Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Milano con il massimo dei voti, specializzato, con lode, in Endocrinologia presso l'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Dirigente Medico
U.O.C. di Malattie Endocrine e Diabetologia
Centro di riferimento per lo studio, la diagnosi e la terapia dell’obesità.
ASST Lariana – Ospedale Sant'Anna di Como

Membro di svariate Associazioni e Società Scientifiche, anche con incarichi istituzionali.

Da anni svolge attività clinica e di ricerca, in particolare, nel campo della terapia farmacologica dell'obesità.

By Gianleone Di Sacco

Post recenti

Archivi