Terapia farmacologica dell'obesitÓ

Sito di informazione scientifica


Fattori prognosti di efficacia dei farmaci

Sei nella sezione: Terapia farmacologica obesitÓ

Vai al sotto menu

Nella maggior parte degli studi la perdita di peso iniziale predice la risposta a lungo termine al farmaco. Se il calo ponderale Ŕ modesto Ŕ probabile che il paziente tragga poco beneficio dalla terapia [1-3].

Indicazioni contraddittorie sono invece emerse nel passato dalla determinazione dei livelli ematici del farmaco somministrato. In alcuni studi, che utilizzavano dexfenfluramina, il rilievo di elevati livelli di concentrazione ematica del farmaco sembrava essere correlato ad un maggiore calo ponderale, mentre tale correlazione non sembrava essere presente quando erano utilizzati farmaci noradrenergici come la fentermina (farmaco della stessa classe della fendimetrazina) [4].



Data ultimo aggiornamento: 04 mar 2012 | webmaster@obesita.com

Torna ai contenuti | Torna al menu